Vetro cellulare in granuli

Il vetro cellulare in granuli B/GLAS è un’ottima soluzione per tutte quelle applicazioni in cui si richieda di eseguire dei riempimenti con un materiale molto leggero, termicamente isolante, che non assorba acqua ma che offra al contempo una elevata resistenza alla compressione.

Il materiale fornito in big bag viene steso e compattato con estrema facilità. Viene applicato in edilizia come isolamento di pareti contro-terra ma soprattutto sotto la platea di fondazione o come riempimento all’interno di travi rovesce o sopra volte in muratura prima di realizzare un nuovo massetto armato.

Vetro cellulare in granuli

Il vetro cellulare in granuli B/GLAS è un’ottima soluzione per tutte quelle applicazioni in cui si richieda di eseguire dei riempimenti con un materiale molto leggero, termicamente isolante, che non assorba acqua ma che offra al contempo una elevata resistenza alla compressione.

Il materiale fornito in big bag viene steso e compattato con estrema facilità. Viene applicato in edilizia come isolamento di pareti contro-terra ma soprattutto sotto la platea di fondazione o come riempimento all’interno di travi rovesce o sopra volte in muratura prima di realizzare un nuovo massetto armato.

B/GLAS 800


Sfuso 92 m3 – Cod. VG601SFU
Sfuso 80 m3 – Cod. VG603SFU
In Big bag 3 m3 – Cod. VG602BIG

B/GLAS 600


Sfuso 92 m3 – Cod. VG604SFU
Sfuso 80 m3 – Cod. VG605SFU
In Big bag 3 m3 – Cod. VG606BIG

Applicazioni


Fondazione a piastra

1. Lastra in vetro cellulare GLAPOR.
2. Foglio in polietilene.
3. Eventuale drenaggio.
4. Platea di fondazione o pavimentazione industriale.
5. Geotessuto o foglio in polietilene.
6. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
7. Geotessuto.
8. Eventuali impianti.
9. Cappotto con isolanti tradizionali.


Volta in muratura

1. Pavimento e listellatura in legno o pavimento e massetto.
2. Geotessuto.
3. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
4. Volta in muratura.


Terrazza

1. Pietra squadrata o masselli autobloccanti.
2. Pietrisco.
3. Geotessuto.
4. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
5. Strato di protezione.
6. Impermeabilizzazione.
7. Soletta di copertura.


Tetto verde e giardinaggio

1. Superficie realizzata a piacere, rinverdimento.
2. Geotessuto.
3. Granulato in vetro cellulare anche legato con cemento.
4. Strato di protezione.
5. Impermeabilizzazione.
6. Soletta di copertura.


Piscine e SPA

1. Piscina.
2. Geotessuto.
3. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
4. Geotessuto.
5. Massetto e pavimentazione.
6. Drenaggio.


Piano interrato

1. Piano interrato in c.a.
2. Impermeabilizzazione.
3. Protezione impermeabilizzazione.
4. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
5. Polietilene
6. Geotessuto.
7. Drenaggio.


Riqualificazione energetica pavimento

1. Membrana bugnata.
2. Geotessuto o foglio in polietilene.
3. Granulato in vetro cellulare


Fondazione diretta

1. Muratura.
2. Lastra in vetro cellulare GLAPOR.
3. Blocco cls cellulare IDRO.
4. Guaina impermeabile.
5. Pavimento e massetto.
6. Geotessuto o foglio in polietilene.
7. Granulato in vetro cellulare B/GLAS.
8. Geotessuto.
9. Marciapiede.

Consigli per una corretta posa:


Esempio con fondazione a scavo

A. Eseguire lo scavo. Il sottofondo deve essere eseguito almeno 30 cm sopra il massimo della falda.
B. Compattare il fondo scavo con piastra vibrante o altra attrezzatura idonea.

C. Stendere il geotessuto (150 g/mq) nello scavo per formare uno strato separatore. Fare in modo che i teli si sovrappongano per 10 cm. Ai bordi va previsto un lembo sufficiente per poter essere risvoltato sopra lo strato di B/GLAS® lungo il perimetro dello scavo.
D. Riempire lo scavo con il granulato B/GLAS®. Se il materiale viene fornito sfuso, la posa può essere effettuata scaricando direttamente nel punto di utilizzo l’intero contenuto del camion. Se fornito in big bag questi devono essere sollevati con gru, ruspa, ecc. e svuotati aprendo manualmente la valvola di scarico inferiore.

E. Distribuire e livellare lo strato di granuli B/GLAS®. E’ consigliabile posare il granulato in vetro cellulare B/GLAS® procedendo a ritroso, al fine di non dovere più trattare il materiale già posato. Una volta distribuito il B/GLAS® in maniera uniforme può essere livellato con pala meccanica o manualmente con badile e rastrello.
F. Costipazione. Servirsi di un costipatore a piastra vibrante ( ~100-120 kg, frequenza ca. 85-100 Hz, larghezza ≥ 500 mm). La costipazione va terminata non appena raggiunto il valore di costipazione previsto. L’aumento della compressione accresce il consumo di materiale e non migliora in maniera sostanziale le caratteristiche di portata.

G. Stendere uno strato separatore. Il geotessuto posizionato sul terreno va ripiegato sopra il materiale posato e costipato. Ricoprire la superficie del materiale con uno strato separatore in PE (spessore 0,2 mm) o con geotessuto 150 g/mq, facendo in modo che le singole strisce si sovrappongano per 10 cm. Il geotessuto steso dovrebbe estendersi per circa 1 m oltre la fine dell’isolamento in granuli.
H. Posizionare la cassaforma laterale per il getto della fondazione a piastra posizionandola sulla superficie precedentemente preparata.

Come calcolare la quantità necessaria di materiale

Per ottenere 30 cm costipati:
30 cm x 1,3 = 39 cm di materiale livellato

Inversamente, per calcolare lo spessore finale costipato partendo dallo sfuso livellato:

39 cm : 1,3 = 30 cm di materiale costipato
(pari a una riduzione del 23%)

CERTIFICAZIONI
Il grande impegno ed i notevoli investimenti profusi negli ultimi anni ci hanno consentito di centrare uno degli obiettivi più ambiziosi: la garanzia della massima qualità.
Il sistema di “Gestione Integrata” verifica il rispetto di tutte le normative vigenti. Inoltre, l’Ente Certificatore, controlla rigorosamente la corretta gestione aziendale nel rispetto dell’ambiente e nella tutela della sicurezza e salute degli operatori in azienda.

CERTIFICAZIONI
Il grande impegno ed i notevoli investimenti profusi negli ultimi anni ci hanno consentito di centrare uno degli obiettivi più ambiziosi: la garanzia della massima qualità.
Il sistema di “Gestione Integrata” verifica il rispetto di tutte le normative vigenti. Inoltre, l’Ente Certificatore, controlla rigorosamente la corretta gestione aziendale nel rispetto dell’ambiente e nella tutela della sicurezza e salute degli operatori in azienda.

SCARICA IL PDF